- Cinema e divano

Il mio regno per una farfalla

Dove vederlo: Al cinema

Titolo originale: Il mio regno per una farfalla

Regia e sceneggiatura: Sergio Assisi

Cast: Sergio Assisi, Federica De Benedittis, Giuseppe Cantore, Tosca D’Aquino

Musiche: Sergio Colicchio

Produzione: Italia 2024

Genere: Commedia

Durata: 100 minuti

Trailer

   

Regia: stellastella

Interpretazione: stellastella

Sceneggiatura: stellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastella

 

Trama

Sasà Belladonna (Sergio Assisi), nobile decaduto, nullafacente e donnaiolo, vive nella suite dell’albergo fondato dal padre grazie a un accordo con la sorella Iole (Nunzia Schiano). Il suo “regno” sembra crollare al compimento dei 50 anni quando la direttrice della struttura (Tosca D’Aquino) trova una vecchia videocassetta con un messaggio del barone Belladonna: Sasà rischia di perdere l’eredità e la sua vita libertina se non si sposa entro 40 giorni.

L’amore dell’uomo per Anna (Federica De Benedittis) – giovane entomologa arrivata sull’isola per cercare la rarissima farfalla imperatrice – potrebbe rivelarsi anche la sua salvezza.

Recensione

Sergio Assisi torna alla regia nove anni dopo l’esordio sul grande schermo con A Napoli non piove mai e dal capoluogo campano si sposta a Ischia per narrare una favola scanzonata. Ne Il mio regno per una farfalla (parodia de Il mio regno per un cavallo del Riccardo III shakesperiano) è messa in scena una commedia corale, leggera proprio come una farfalla, fatta di un amico fedele, un avvocato sconclusionato, una fidanzata sleale, una suocera perfida, un parroco anticonvenzionale interpretato dallo spassoso Giobbe Covatta.

Forse è presente qualche clichè di troppo ma il film non ha pretese, se non quella di far passare 100 minuti di relax allo spettatore. In alcune sequenze si colgono, velatamente, piccoli omaggi ai grandi maestri della commedia all’italiana quali De Sica, Totò, Peppino De Filippo. Ischia funge da cornice ideale con il suo paesaggio suggestivo e romantico.

Come affermato in conferenza stampa proprio da Assisi, la scelta di girare il film interamente sull’isola con il patrocinio dei comuni di Ischia e Casamicciola Terme è stato un atto d’amore nei confronti di una terra devastata lo scorso anno da tragici eventi climatici. Meravigliosi il porto, Piazza Marina, il Castello Aragonese e la sua cattedrale. Forse la vera protagonista è proprio Ischia in tutta la sua magia.

Curiosità

Il ruolo di Tosca D’Aquino era stato originariamente offerto al compianto Gigi Proietti.

Ilaria Becattini

Nata a Velletri, nel cuore dei castelli romani. Classe 1996. Già in tenera età il cinema mi teneva incollata allo schermo e ho deciso di voler capire, da grande, come funzionassero i magici ingranaggi della Settima Arte. Mi sono laureata al Dams di Roma Tre nel 2020 con una tesi sull'importanza del colore come veicolo di trasmissione delle emozioni. Sono oltremodo curiosa, amo alla follia i backstage, i retroscena e i particolari delle storie dietro la nascita dei film. Il mio mantra? "Good films make your life better".
Leggi tutti gli articoli di Ilaria Becattini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *