- Cinema e divano

Troppo azzurro

Dove vederlo: Al cinema

Titolo originale: Troppo Azzurro

Regia e sceneggiatura: Filippo Barbagallo

Cast: Filippo Barbagallo, Valerio Mastandrea, Valeria Milillo, Alice Benvenuti

Musiche: Pop X

Produzione: Italia 2024

Genere: Commedia

Durata: 88 minuti

Trailer

   

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

Si racconta la storia di un giovane universitario, Dario (Filippo Barbagallo), che vive ancora con i genitori (Valeria Milillo e Valerio Mastandrea) e che si destreggia tra confusioni sentimentali e amicizie storiche. A causa di uno schizzo di olio bollente si ritrova al pronto soccorso e conosce Caterina (Alice Benvenuti). Tra i due nasce una storia d’amore che culmina con la decisione di intraprendere un viaggio verso Rimini.

La paura di Dario però, si fa sentire e lo frena a tal punto da non presentarsi in stazione e sparire completamente. Decide comunque di partire, ma raggiunge il suo “porto sicuro”, i suoi genitori e poi il suo migliore amico. Tornando dalle vacanze incontra Lara (Martina Gatti), la ragazza dei suoi sogni, quella di cui è da sempre innamorato, ma anche qui la paura prende il sopravvento.

Recensione

Il senso del film viene mostrato già dalle prime scene: il protagonista va in bicicletta per le varie strade di Roma ed esattamente come la sua vita, lo fa senza avere una meta ben precisa. I giovani di oggi, i millennials, si ritrovano a non avere più uno scopo, un obiettivo, si sentono persi nel loro vagare e questo porta alcuni di loro ad avere paura di tutto, proprio come Dario.

È interessante vedere la differenza tra i vari personaggi: mentre Dario prova timore a ogni suo passo, Caterina si dà forza, continua il suo cammino, verso il suo obiettivo lavorativo, mentre Lara non trova la propria strada, buttandosi a capofitto in qualsiasi nuova avventura. Sandro (Brando Pacitto), l’amico d’infanzia, dà consigli a Filippo, che non segue nemmeno lui. Sono i diversi modi in cui i millennials stanno reagendo all’epoca che stiamo vivendo.

I dialoghi, in sé molto semplici, racchiudono nel loro insieme un’insicurezza generazionale di fondo. Le musiche dei Pop X, che passano da un tema all’altro, rafforzano ancora di più il concetto di confusione e smarrimento giovanile. In alcune fasi il montaggio curato da Irene Vecchio ricrea il nostro mondo tecnologico, con la suddivisione della singola immagine in più quadri (split screen) o la comparsa del cellulare a tutto schermo.

I protagonisti rimangono però incredibilmente lontano dai social: si scrivono, si chiamano e si incontrano, non mettono storie su Instagram o reel su Tiktok. Questo perché lo stesso Barbagallo è poco social.

Curiosità

Questo film è l’opera prima di Filippo Barbagallo, che ha frequentato il centro sperimentale e ha intrapreso uno stage con la sua insegnante, nonché produttrice, Annamaria Morelli. Lei, vedendolo lavorare molto bene, gli ha chiesto se avesse una sceneggiatura già pronta da farle leggere ed è così che ha cominciato a prendere vita “Troppo Azzurro”. Filippo si è ritrovato a fare l’attore del suo lungometraggio perché nessun altro lo convinceva per tale ruolo e Gianni di Gregorio, che lo ha aiutato moltissimo nella realizzazione, lo ha convinto a recitare.

Chandra Pistoni

Subito dopo essermi laureata in Arti e Scienze dello Spettacolo, ho intrapreso un percorso di studi come videomaker. Ho lavorato su alcuni set cinematografici, come assistente e aiuto regista, ma anche nell’ambito della produzione. Mi sono innamorata del cinema quando ero piccola, infatti a dodici anni dissi con convinzione ai miei genitori: “Un giorno realizzerò un mio film” e in questa frase ci credo ancora. Amo vedere pellicole di ogni genere, anche se preferisco il cinema d’essai e amo soprattutto poterne parlare con altre persone per ampliare il mio punto di vista.
Leggi tutti gli articoli di Chandra Pistoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *