- Festival

Cinema, arte e teatro al Women’s Art Independent Festival di Valmontone

manifesto waif 2021Dal 25 al 28 novembre 2021 Palazzo Doria Pamphilj a Valmontone (Roma) ospita la 2a edizione del Women’s Art Independent Festival, kermesse artistica dedicata alle donne e al “diritto di esserlo”.

Organizzata da Officina d’Arte OutOut e diretta da Claudio Miani, è una manifestazione che si fregia di uno sfondo unico, le suggestive mura di una residenza storica, ideale location per riaffermare la comunicazione culturale e l’inclusione sociale attraverso un proficuo confronto tra artiste, intellettuali, giornaliste e scienziate. Tema:

Cosa significa essere una donna oggi e perché è importante insistere nella rivendicazione dei diritti delle donne?

Il programma in sintesi delle quattro giornate

Il W.A.I.F. alza ufficialmente il sipario nella Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, inaugurato dall’Assessore alla Cultura del Comune di Valmontone Matteo Leone e dalla Presidente IX Commissione – Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio del Consiglio regionale del Lazio Eleonora Mattia. Quest’ultima, paladina dei diritti di genere, è reduce dal successo della legge regionale sulla parità salariale.

Prima giornata

Madrina del W.A.I.F. Giulia Di Quilio, che offrirà il proprio contributo espressivo all’opening dell’installazione d’arte concettuale Renoir – Il collezionista di Mondi (incentrata sulle visioni inerenti la nascita dell’Universo secondo le tradizioni orientali e occidentali, strumento di valorizzazione della figura femminile) curata da Claudio Miani, Niccolò Ratto e Renato Florindi con la supervisione di Mauro Malagrande.

Si affronterà poi la questione legata all’importanza delle parole in una società dove ormai a dominare sono unicamente le immagini: a discuterne la conduttrice del programma Rai Le parole per dirlo Noemi Gherrero e l’attrice Elisa Forte.

La prima giornata si conclude con la messa in scena della piéce teatrale di Anton Cechov L’orso diretta da Luciano Fontana per la sezione Women’s Theatre.

Seconda giornata

che fine hanno fatto i sogni?Venerdì 26 novembre lo speaker di Rete Sport 104.2 Massimiliano Magni e la giornalista della Gazzetta della Sport Chiara Zucchelli moderano l’incontro La donna del calcio, per uno sport senza generi con gli interventi di Eleonora Mattia e l’ex Presidente dell’A.S. Roma Rosella Sensi.

Il talkshow ideato dallo speaker Luca Bussoletti Lingue e Sonagli – dove personaggi famosi si mostrano in una veste inedita – ospita in prima puntata Carolina Rey. Nell’ambito dell’incontro La libertà di essere donna, cui partecipano Giulia Di Quilio e l’artista coreografa subacquea Lucia Natale, verrà presentato il numero pilota di #Eros ispirata alla rivista Eros degli anni ’60 firmata da Ralph Ginsburg ed Herb Lubalin.

E l’Eros di esprimerà pienamente tramite il concerto Tra Pathos ed Eros. Il potere del corpo performato al pianoforte dal maestro Marco Werba con la voce di Valentina D’Antoni.

Terza giornata

mamaSpazio al cinema nella giornata di sabato, con la proiezione del corto rivelazione Mama diretto dall’iberico Pablo de la Chica e ambientato in uno dei luoghi ritenuti più violenti al mondo, ovverosia il Parco Nazionale Kahuzi-Biega: protagonisti Mama Zawadi e i suoi piccoli scimpanzé. Anticipa la proiezione lo spettacolo per bambini La Principessa e il Drago, realizzato dai bambini e dalle donne ospitate dal Centro Regionale “La Ginestra” e presentato dal Laboratorio dei Burattini La Ginestra.

Quarta e ultima giornata

lockdownlove.itTra i tanti eventi collaterali anche il panel al femminile (27 novembre) con l’incontro Donne in Rete presieduto dalla designer Eleonora Cicchetti, stilista fautrice della moda inclusiva oltre la curvy fashion. Si chiude la giornata con lo spettacolo (R)esistenze – Le voci di Grimilde, de La Vecchiaccia e di Lella, curato dalla compagnia X-Pression.

La giornata conclusiva vede la proiezione del docufilm Che fine hanno fatto i sogni? di Patrizia Fregonese De Filippo e del cortometraggio Lockdownlove.it diretto da Anna Marcello.

Sulla seconda edizione del festival si spengono i riflettori, ma non prima di aver assegnato il Premio Abdajem Moussa alla Carriera all’attrice Milena Vukotic che, per l’occasione, porta in scena Emelié du Chatelet, spettacolo teatrale diretto da Maurizio Nichetti.

Per tutte le informazioni, gli orari e le prenotazioni consultare il sito ufficiale www.womensartindependentfestival.com.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *