- Food Experience, Itinerari del gusto

Carni dal mondo al Cot’Cös, il ristorante che celebra l’arte della griglia

Cot’Cös, ovvero “cosa ti cuocio” in dialetto chierese.

Nell’elegante locale di Mauro Ronco non è facile rispondere a questa domanda per un semplice motivo: la varietà delle materie prime – carni dal mondo di qualità eccelsa e certificata – crea quel proverbiale imbarazzo della scelta che tutti vorrebbero avere.

Niente paura. A offrirvi i migliori consigli ci pensa lui, il proprietario del ristorante, accompagnandovi in quella che non è soltanto una cena ma un’esperienza autentica, un trip di gusto, un viaggio dei cinque sensi in una dimensione del tutto inedita, quasi onirica. E alla sua conclusione, penserete spontaneamente all’aforisma di Pablo Neruda che poeticamente recita:

Ho sognato la tua carne, divina e profumata!

Storia di un locale ‘A’tipico

Franca e Mauro titolari del Cot'Cos a TorinoIl Cot’Cös nasce nel 2017 dalla visione a occhi aperti di un idraulico con una smisurata, viscerale passione per la griglia, in particolare quella a sabbia che padroneggia oramai da 25 anni.

Mauro fa sua tale visione e la trasforma – insieme alla compagna Franca – in un ristorante/braceria/griglieria da 25 coperti a sera, curato nei più piccoli dettagli, là ai confini del rinnovato quartiere di San Salvario a Torino, città della cultura, dei salotti letterari, del cinema e naturalmente della buona cucina.

La proposta ristorativa ch’è in grado di sottoporre alla clientela vanta innovazione, diversificazione e classe loquace nel trattare il punto focale dell’attività: la carne.

Sistema di cottura: la griglia americana

carne cottura al sangueÈ il titolare a cuocere direttamente i tagli di carne ordinati dal cliente, avvalendosi di una stupefacente griglia americana che abbiamo visto all’opera. Si tratta di un sistema di cottura che funziona a fiamma rovesciata. Una piastra carboceramica produce un velo di fuoco a infrarossi in modo che il cibo non si trovi mai a contatto col fuoco stesso, dunque non sviluppando i nocivi idrocarburi prodotti nel comune BBQ.

La cottura a livelli regolabili è impostata a seconda dello spessore della carne. Ebbene, in max. 7-8 minuti il taglio viene servito in tavola, che si tratti di un assaggio da 50 gr. o di un Tomahack dal peso di 2 kg. Sì, potete ordinare anche quello!

Carni dal mondo

carni dal mondoRestando fedele all’identità del Piemonte e all’arte del fare Made in Italy ma con uno sguardo rivolto alla gastronomia internazionale, il Cot’Cös è un eclettico laboratorio del gusto che sa esaltare la materia epicurea includendo nel proprio caleidoscopico menù le più pregiate carni del mondo.

Il cliente le può ulteriormente insaporire ricorrendo all’abbinamento con tre tipologie di sale, ovverosia il Nero di Cipro, il Rosa dell’Himalaya o il Grigio Atlantico Capperi.

Di seguito l’eccezionale selezione di tagli di carne:

  • la Vicciola celebra l’eccellenza della razza bovina piemontese
  • il vitello Wagyu testimonia il meticoloso metodo di allevamento giapponese
  • l’Angus Black del Kansas/Nebraska profuma di prateria americana
  • la carne di Zebra dallo Zimbabwe unisce la leggerezza a un notevole carico proteico
  • la Picanha possiede lo speciale aroma del codone di manzo proveniente dalla Danimarca
  • l’Asado non ha bisogno di presentazioni perché il costato di manzo arrosto non si dimentica
  • il Canguro australiano è una carne rossissima, digeribile, toccasana per la circolazione del sangue ricco di fosforo, potassio e ferro, il Cammello dell’Australia ha un gusto intenso e una carne succosa
  • l’Entranha corrisponde a un particolare taglio dell’Angus Black di origine irlandese
  • il Cervo s’erge a selvaggina molto nutriente, ricca e vitaminica, di provenienza italiana
  • la sofficità è la caratteristica clou della Renna finlandese, di aroma dolce e sapore selvatico
  • dal Canada giunge il Bisonte, coacervo di fosforo, rame, zinco e vitamine B6 e B12 funzionali al sistema immunitario
  • lo Struzzo di Santhià, ricco di omega 3, ferro, proteine e vitamine, ha una carne rossa, atipica nell’alveo dei volatili, e si presta anche alla preparazione sottoforma di bresaola
  • Il Cot’Cös è il primo ristorante in Torino a servire carne di Coccodrillo sudafricano, di fibre consistenti e nemica del colesterolo.

E poi c’è anche lei, l’immancabile Fiorentina, oltre a tanti altri classici intramontabili!

E non finisce qui…

Non esiste limite al piacere del palato. Lo abbiamo detto: al Cot’Cös si viaggia restando seduti al tavolo, si fa esperienza e si mangia per godere, per questo nel menù troverete anche la Rana belga, la Lumaca italica, il Buratello piemontese (serpente lagunare ch’è il maschio dell’anguilla), le uova di Struzzo servite all’occhio di bue (2 kg corrispondenti a 24 uova di gallina) e le uova di Quaglia sabaude.

Vini d’Italia e birre artigianali

Carni pregiate esigono vini pregiati. In tal senso la carta del Cot’Cös diventa una cartina dell’Italia in cui ogni regione dello Stivale sfoggia vini di etichetta. Ogni nettare di Bacco fa la sua comparsa in bottiglia oppure in calice grazie al coravin osannato dai sommelier.

Il coravin è uno spillatore manuale che consente, appunto, di spillare il vino dalla bottiglia al bicchiere senza stappare il recipiente, e dunque senza alterarne il contenuto impedendo passaggi d’aria.

Le birre provengono dalla selezione Granda, rinomato birrificio di Legnasco (CN). Il Cot’Cös include à la carte gli stili Lager, Special Blanche, American Pale Ale, Belgian Amber Ale, Belgian Strong Ale e White Ipa entro un range alcolemico fra 4.7% e 8% vol.

Per gli astemi è riservata l’acqua filtrata Decalacque naturale o frizzante.

Degustazione di coppia, un’esperienza irrinunciabile

battutina di fassoneLa romantica degustazione di coppia è davvero un’esperienza irrinunciabile, da provare almeno una volta per apprezzare le favolose carni del ristorante nella piena condivisione del viaggio. Anche in questo frangente, possiamo rendere testimonianza diretta.

Si inizia con un aperitivo di benvenuto accompagnato da un Prosecco Valmarone per spianare la strada a una deliziosa battutina di Fassone con grana e rucola. Arrivano gli assaggi di salame d’asino, capriolo, cervo, capra, cavallo, cinghiale e struzzo innaffiati da un calice di Grignolino.

La portata principale consta di una selezione di carni di Vicciola, Wagyu, Angus, Zebra, Picanha, Canguro, Entranha, Cervo, Struzzo, Renna e Bisonte valorizzata da un contorno di patate vitelotte francesi, taro delle Hawaii, manioca brasiliano e verdure di stagione grigliate, in un crescendo di vini rossi come Dolcetto, Barbera e Nebbiolo. Il coccodrillo è servito con salsa cambogiana a parte.

Concludono il menù panna cotta allo zenzero e curcuma e mousse di pesche al mascarpone e meringhe.

Dessert creativi e zuccherini spiritosi

dessertLa raffinatezza del Cot’Cös si evince nondimeno dai suoi dessert, creati appositamente per un finale spettacolare. Dite che esageriamo nel tesserne le lodi? Allora dovete assaggiare questi:

  • Panna cotta con arancia salata, caramello, zenzero e curcuma
  • Bunet rivisitato alla mousse di nocciola, purè di zenzero e sale di cipro
  • Banana grigliata con cioccolato fondente, uvetta, rum e peperoncino

Autentica chicca: gli zuccherini spiritosi dalle varietà più disparate, che Mauro conserva gelosamente in una vecchia credenza a cassettini vetrati.

Se volete provare qualcosa di diverso e amate la carne, il Cot’Cös – predisposto anche alla cucina per celiaci – è indubbiamente il ristorante che state cercando.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *