birra ambrata menabrea con anelli di cipolla
- Birra, una questione di stile, Food Experience

La 150° Premium Amber, l’Ambrata Menabrea tipo Marzën a bassa fermentazione

birra ambrata menabrea con anelli di cipollaDe La 150° Ambrata Premium Amber Menabrea gustata al Meta21 italian pub di Pianezza (TO) abbiamo apprezzato la versione alla spina, servita a 6-8°C con spillatura a tre tempi per massimizzare la resa in schiuma e conservare bene gli umori.

Questa è una birra tipo Marzën 5% vol. a bassa fermentazione, lager medio corpo dagli 11.80° Plato (indicazione della proporzione di acqua e saccarosio espressa in percentuale) composta da malti scuri che le conferiscono il classico colore ambrato.

menabrea ambrata con hamburgerStrutturalmente delicata, l’abbiamo abbinata prima a un’entrée di anelli di cipolla fritti e conseguentemente a un hamburger d’ispirazione toscana, in modo che la sua lieve asprezza si accostasse perfettamente alla sanguigna carne di chianina arricchita da crema di lardo alleggerendone il gusto prima di esaltarlo.

Tutte le caratteristiche riportate sul sito ufficiale della Menabrea – colore ambrato con riflessi bronzei, corpo rotondo, amaro moderato, equilibrio notevole – si ritrovano fedelmente. Ne risulta un piacere di bevuta non paragonabile a quello di una Weiss ma nemmeno troppo dissimile, eccezion fatta per il carattere torbido che lo stile lager non possiede.

Menabrea, il più antico birrificio attivo in Italia

spillatrice menabreaQuando si parla di birra italiana è sempre d’obbligo prendere in considerazione l’intera gamma Menabrea, la storica azienda di Biella in Piemonte che dal 1846 fa sentire la propria presenza nel contesto brassicolo. Il fatto che il birrificio G. Menabrea e Figli sia il più antico d’Italia ancora in attività vuol certamente significare tanto.

Il brand ha ottenuto nel tempo una gran fetta di mercato guadagnandosi consensi un po’ ovunque per la capacità di produrre birre amabili – caratterizzate da note amarognole su uno spartito che piace a tutti gli amanti della bevanda – differenziando progressivamente le etichette in modo da attualizzare la proposta in accordo con gli stili diffusi nel mondo.

Che si voglia una bionda, una blanche o una pils, Menabrea ha la referenza giusta per incontrare la frangia popolare con un’archetipica ricetta a base di acqua, luppolo nobile di Hallertau, malto di Vitry-le-François e passione dei Mastri Birrai. Ingredienti europei, il collante del fare italiano e il progetto delle origini si applicano alla filiera offrendo il riconoscibile sapore di una birra Menabrea.

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *