- Oggi al cinema

Finale a sorpresa – Official Competition

finale a sorpresa manifestoDove vederlo: al cinema

Titolo originale: Competencia oficial

Regia: Mariano Cohn, Gastón Duprat

Sceneggiatura: Mariano Cohn, Gastón Duprat, Andrés Duprat

Cast: Penelope Cruz, Antonio Banderas, Oscar Martínez

Produzione: Spagna, Argentina 2021

Genere: Commedia

Durata: 114 minuti

lucky Red logo   Trailer

 

finale a sorpresa scena  finale a sorpresa penelope cruz  banderas e martinez finale a sorpresa

 

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastellastella

 

Trama

Lola Cuevas (Penelope Cruz), è un’eccentrica e affermata cineasta a cui è stata commissionata la regia di un film da un imprenditore miliardario megalomane deciso a lasciare il segno nella storia. L’ambiziosa impresa richiede i più grandi talenti, così Lola scrittura due stelle della recitazione: il divo sciupafemmine di Hollywood Félix Rivero (Antonio Banderas) e il capofila del cinema e del teatro impegnato Iván Torres (Oscar Martínez).

Due attori agli antipodi ma entrambi leggende, con un carisma e un ego ineguagliabili, sono costretti da Lola ad affrontare delle prove esilaranti e originali. Riusciranno a superare la loro rivalità per dare vita a un capolavoro?

Recensione

Presentato in concorso alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, questo Finale a sorpresa – Official Competition è una brillante commedia spagnola con una forte componente metacinematografica diretta da Gastón Duprat e Mariano Cohn, e scritta dai medesimi insieme ad Andrés Duprat.

Non si tratta, però, semplicemente di un esilarante dietro le quinte che ha il solo scopo di strappare svariate e fragorose risate – anche nelle scene più imprevedibili – ma di una vera e propria riflessione sull’arte cinematografica tutta, dal rapporto tra realtà e finzione allo star system passando per l’incontro/scontro tra cinema elitario, votato all’arte, e cinema commerciale.

Probabilmente l’aspetto più interessante è che l’opera stessa riesce a essere un punto d’incontro tra queste due non così troppo differenti forme della Settima Arte, riuscendo di conseguenza a indirizzarsi a un pubblico che va oltre gli addetti ai lavori e gli appassionati di cinema.

Il duo di registi, senza intaccare mai il tono comico che caratterizza la sceneggiatura, cura la messa in scena minuziosamente, rendendolo esteticamente quasi un prodotto patinato; complice è soprattutto la fotografia, capace di inquadrare gli elementi, tra cui i personaggi, negli spazi in maniera ottima, lasciando quindi all’immagine molta della responsabilità dell’andare oltre il serrato scambio di battute tra gli interpreti per comunicare pure dell’altro.

Il cast ha per perno un trio eccezionale che condivide la scena coralmente, ma la prova di Penelope Cruz riesce perfino a stare un gradino sopra i due co-protagonisti Banderas e Martínez, regalando una delle sue migliori interpretazioni in assoluto, totalmente a suo agio nell’alternare registri diversi tra loro.

Finale a sorpresa – Official Competition è una di quelle (purtroppo) rare occasioni nelle quali si riesce ad accontentare in sala sia i palati più esigenti alla ricerca di un prodotto ben realizzato, sia quelli che preferisco pagare il prezzo del biglietto per spegnere il cervello nel corso delle due ore circa di durata. Qui sta davvero solo al singolo decidere con quale di queste due attitudini guardare il film e non è detto che non si possano scegliere entrambe.

Curiosità

registi finale a sorpresa

 

A Venezia, il film è stato candidato sia al Leone d’Argento che al Leone d’Oro.

 

Immagini: © LUCKY RED S.r.l.

Massimo Vozza

Massimo Vozza

Romano di Roma, nato nel 1992, laureato al DAMS e aspirante sceneggiatore, sono cresciuto a pasta, film, libri e musica sin dall’infanzia. Non posso fare a meno di scrivere sul cinema e per il cinema almeno dalla fine della pubertà, anche se è soltanto da quattro anni che mi è stata data la possibilità di venire anche pubblicato e letto.
Leggi tutti gli articoli di Massimo Vozza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *