- Prossimamente

Dave Bautista e Rupert Grint bussano alla porta nel nuovo film di Shyamalan

bussano alla porta scena bautistaUltimi ritocchi in fase di post-produzione per Bussano alla porta (Knock at the cabin), il nuovo film di M. Night Shyamalan del quale molto vi avevamo anticipato in una news di 9 mesi fa.

Ebbene, il parto è avvenuto: tutto pronto per l’uscita della pellicola, sebbene ancora non sia stata annunciata una data di release italiana ufficiale. Negli USA approderà nelle sale cinematografiche il 3 febbraio 2023.

Poco male. Si sente già odore di thriller dal momento che la Universal Pictures ha lanciato un trailer da brivido, specchio senza spoiler di quanto ci riserverà la suspense (soprannaturale?) del talentuoso regista indiano.

La trama dal trailer

Note allegre di Boogie Shoes dei KC and the Sunshine Band. Una baita in mezzo al bosco, una famiglia in vacanza, una bambina e all’orizzonte un individuo che tende amichevolmente la mano tatuata alla piccola Wen dicendo di chiamarsi Leonard. Stacco. Interno. Toc Toc, bussano alla porta, i colpi vibrano, sale la tensione, sono dentro.

Quattro persone e una sola che parla, chiedendo ai due ragazzi legati di compiere una scelta cruciale per le sorti del mondo. Prendere una decisione per scongiurare nientemeno che l’Apocalisse.

Cast di livello

Basato sul romanzo The cabin at the end of the world (2018) di Paul Tremblay, l’opera di Shyamalan – qui in veste di regista, sceneggiatore e produttore – assortisce un cast curioso ma di livello, con il muscolare Dave Bautista (sempre meno attore d’azione e sempre più interprete) e Rupert Grint (il rosso Ron Wesley maghetto pasticcione nella saga di Harry Potter) a spiccare su colleghi quasi sconosciuti.

Bussano alla porta. Voi andrete ad aprire?

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *