- Prossimamente

Ma Nuit

ma nuit

Uscita nelle sale: n.d.

Titolo originale: Ma Nuit

Regia: Antoinette Boulat

Sceneggiatura: Antoinette Boulat, Anne-Louise Trividic, François Choquet

Cast: Lou Lampros, Tom Mercier, Emmanuelle Bercot, Carmen Kassovitz

Musiche: Nicolas Errera

Produzione: Francia, Belgio 2021

Genere: Drammatico

Durata: 87 minuti

Trailer

 

ma nuit  lou lampros in ma nuit  marion e alex in ma nuit

 

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastellastella

Musica: stellastellastellastella

Giudizio: stellastellastellastella

 

Trama

La protagonista è Marion (Lou Lampros), una giovane che ha subito la perdita della sorella da circa un anno. A seguito del tragico evento, la vita di Marion è radicalmente cambiata. Prova un dolore immenso, che la affligge impedendole di vivere serenamente. La ragazza, il giorno dell’anniversario della morte di sua sorella, inizia una sorta di vagabondaggio per le strade di Parigi.

Un vero e proprio viaggio introspettivo, che aiuta Marion a essere più serena aprendosi a nuove conoscenze. Incontra così Alex (Tom Mercier), uno tipo anticonvenzionale che la aiuta ad affrontare la sua sofferenza latente. I due cercano semplicemente la tanto ambita libertà.

Recensione

Parigi fa da sfondo a questo bellissimo viaggio intrapreso da Marion. Vedendo il film, lo spettatore si perde tra le bellissime strade della città, mostrata nel suo massimo splendore: di notte. Questa è la parte migliore della giornata, quando tutti dormono e chi non lo fa pensa, sogna e immagina di fare cose meravigliose.

Si dice che ‘’la notte porta consiglio ’’ e questo detto popolare vale pienamente per la protagonista di Ma Nuit. L’incontro con Alex è di importanza fondamentale per la trama in quanto dà una svolta alla vicenda, portando una forte ondata di energia. La prima parte della pellicola è malinconica, l’angoscia provata dalla giovane si sente in modo esplicito, come suggerito sia dalla fotografia che dagli intensi sguardi di Marion.

La passeggiata o Promenade di cui parlava Antonioni è un momento di riflessione per i due attori. Nonostante l’intensità della scena, la parola non predomina, lasciando spazio ai discorsi filosofici. Nonostante il lutto sia uno degli elementi più importanti, se ne parla di rado, in quanto si affronta soprattutto ciò che rimane dopo la perdita.

Essendo fotografa, la protagonista sa catturare i dettagli e la vera essenza della città, che è esattamente lo specchio della sua anima. La Boulat convince lo spettatore che lo stato d’animo influenza fortemente la percezione di ciò che lo circonda e dell’ambiente in cui vive. La sequenza dell’incontro tra i due giovani rappresenta la volontà di lasciarsi andare.

Emblematico Alex che guida il suo motorino aiutando Marion a fidarsi pienamente di lui. Lei siede sul sellino, lasciando che lui la guidi letteralmente attraverso questo viaggio notturno. Le parole di Antoinette Boulat:

Ma Nuit affronta il dolore e il modo in cui esso trasforma, e distorce, la nostra visione del mondo. Per ritrarre una ragazza di diciotto anni e la Parigi di oggi, ho scelto la forma del viaggio sia interiore sia fisico. È come una lontana versione dell’errare mitologico, in cui gli eroi si perdono, si affrontano, alla ricerca di uno scopo stabilito da eventi esterni che loro non riescono a controllare.

La notte di Marion a Parigi diventa il riflesso di una generazione che sente di aver perduto per sempre la spensieratezza, abbandonata in un mondo spezzato. La ricerca della libertà, o piuttosto il senso di libertà di una generazione che vive nella paura, è il tema centrale di Ma Nuit“.

Curiosità

lou lamprosOltre a essere una brava attrice, Lou Lampros è stata anche una top model. Un ragazzo che lavora per un casting ferma Marion per strada, le offre un provino e lei dice no. «Non succede mai» – dice la regista – «nessuno rifiuta, ma volevo che Marion lo facesse, spesso gli attori più interessanti sono quelli che hanno declinato l’invito».

 

Immagini: © NO.MAD Entertainment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *