- Recensioni, Thriller

American Psycho

american psycho locandinaTitolo originale: American Psycho

Regia: Mary Harron

Sceneggiatura: Mary Herron, Guinevere Turner

Cast: Christian Bale, Josh Lucas, Justin Theroux, Chloe Sevigny

Musiche: John Cale

Produzione: USA 2000

Genere: Thriller

Durata: 100 minuti

lionsgate logo universal logo   Trailer

 

christian bale è patrick bateman  bateman uccide paul allen  uccisione di paul allen in american psycho

 

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastellastella

 

Trama

Il rampante dirigente di banca Patrick Bateman (Christian Bale) conduce una vita contraddistinta dalla rivalità con i colleghi, il sesso e il culto assoluto del proprio corpo che cura in maniera ossessiva. Il giovane ha gusto, senso per gli affari e… un’innata psicopatia incline all’omicidio e al soddisfacimento degli istinti.

Fa a pezzi l’invidiato Paul Allen (Jared Leto) a colpi d’ascia, accoltella a morte un clochard, sbrana a morsi una escort scempiando la seconda prostituta con una motosega, e tutto questo per assecondare un edonismo ormai fuori controllo. Il detective Kimball (Willem Dafoe) indaga sulle morti efferate, ma questo sembra non preoccupare Patrick, che ha già scelto la prossima vittima.

Recensione

Il romanzo omonimo di Bret Easton Ellis dà vita a un thriller sul profondo male alla base di molti omicidi esaminati nell’alveo della criminologia: la noia. Se questa si fonde con la malattia mentale del più lucido psicopatico, allora il risultato è sintetizzabile con la personalità di Patrick Bateman, un assassino seriale al quale importa più del metodo che del prodotto finale, talvolta improvvisando, diversificando, inventando.

In un uomo siffatto convivono gli istinti letali di feroci killer come Ed Gein, Ted Bundy e Hannibal Lecter. Il giovane manifesta un sadismo acuto, che cela tramite un’abilità fuori dal comune attraverso una presenza curata fino all’ossesso, vestiti firmati, cosmesi, estetica portata ai più alti livelli per confezionare un’apparenza il cui valore bissa quello di un alibi incontestabile.

Mary Harron (Ho sparato a Andy Warhol), regista e sceneggiatrice di American Psycho, traspone sul grande schermo un personaggio imprevedibile, affetto da narcisismo maligno e spietatamente edonista. Christian Bale sfoggia un fisico al top: dalla sua ha già una discreta esperienza attoriale e la giovinezza che si riflette nella struttura muscolare, nello sguardo sicuro e nella disinvoltura piena.

La pellicola rilascia una buona dose di umorismo nero, rappresentando il life style degli yuppies americani vigente negli anni ’80. Un’epoca ripresa con potente vigore citando pezzi musicali storici degli Huey and the News, Whitney Houston e Genesis, ad esempio Hip to be squared e Sussudio. La colonna sonora annovera brani scritti e cantati da David Bowie, Phil Collins e altri influenti artisti del tempo.

Curiosità

mila kunis in american psycho 2

Il film ha avuto un sequel interpretato da Mila Kunis e uno spin-off, Le regole dell’attrazione con James Van Der Beek nel ruolo del fratello minore di Patrick Bateman.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *