- Commedia, Recensioni

Il premio

il premio locandinaTitolo originale: Il Premio

Regia: Alessandro Gassmann

Sceneggiatura: Alessandro Gassmann, Massimiliano Bruno, Walter Lupo

Cast: Gigi Proietti, Alessandro Gassmann, Anna Foglietta, Rocco Papaleo

Musiche: Maurizio Filardo

Produzione: Italia 2017

Genere: Commedia

Durata: 100 minuti

Trailer

cast de il premio  gigi proietti e alessandro gassman  alessandro gassman e gigi proietti scena il premio

 

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musiche: stellastellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

La vita di Oreste (Alessandro Gassmann) è attualmente divisa tra il sogno di aprire una palestra di proprietà e il suo matrimonio prossimo alla rovina che lo angoscia. Peccato che per realizzare questo sogno mancano all’appello 15 mila euro.

Il padre Giovanni Passamonte (Gigi Proietti), fresco vincitore del Premio Nobel per la letteratura, promette di darglieli a patto che lui lo accompagni in Svezia a ritirare il premio. Di malavoglia Oreste accetta, ritrovandosi a compiere un viaggio on the road per l’Europa in compagnia del padre, di Rinaldo (Rocco Papaleo) segretario del padre, e della sorella Lucrezia (Anna Foglietta), vanitosa blogger attiva sui social.

Sarà un viaggio rivelatore di dinamiche familiari e sociali fino ad allora sopite.

Recensione

Una delle ultime interpretazioni dell’amato Gigi Proietti in una commedia dove giganteggia su un ricco cast composto da giovani promesse del nostro cinema (Matilda De Angelis) e attori ormai con una proficua carriera alle spalle (Alessandro Gassmann, Rocco Papaleo e Anna Foglietta).

Tutti sono ben disposti a lasciargli la scena. Alla sua seconda regia dopo Razza bastarda, Alessandro Gassmann affronta con Il Premio quello che indubbiamente è stato un aspetto importante della sua vita: l’ombra di una figura paterna famosa quale fu suo padre Vittorio Gassman.

Con intelligenza, ironia ed eleganza grottesca ravvisabile soprattutto nel finale, Gassman scatta una fotografia familiare ponendo l’accento sul legame tra fratelli, tra padri e figli e tutto ciò che concerne l’aspetto relazionale della vita di un uomo di successo e del suo opposto.

Giovanni Passamonte è un romanziere dalla brillante carriera, il cui coronamento è il premio appena vinto, dedito da sempre a una vita di vizi e piaceri mentre Oreste incarna l’uomo insoddisfatto di ciò che ha, alla continua ricerca di qualcosa che possa farlo sentire realizzato.

All’ombra di Giovanni vivono Rinaldo e Lucrezia, succubi della figura autoritaria che rappresenta. Il viaggio attraverso cui si dispiega la trama fa suoi elementi tipici del romanzo di formazione in cui i personaggi crescono, maturano consapevolezze e scoprono verità che altro non sono che scheletri nell’armadio fino a quel momento mal riposti.

Giovanni Passamonte assume il ruolo di trait d’union, colui che tira le fila delle relazioni distorte attorno a lui e, paradossalmente, le risolve seppur con brutalità. L’iniziale risentimento di chi gli sta attorno è il prezzo da pagare per aver sacrificato la famiglia per il successo.

Lo scrittore si accorgerà di quanto la famiglia e i legami con essa siano la cosa più importante a cui un uomo può aspirare nella vita, il vero premio di cui essere orgogliosi.

Con una felice direzione attoriale e luoghi suggestivi scelti in maniera oculata e funzionale, Il Premio si mostra più godibile di quello che, con l’onnipresente pregiudizio sul cinema italiano, si potrebbe pensare.

Oggi più che mai, il consiglio è di recuperarne la visione e avere un ulteriore ricordo della versatilità e professionalità di un grande mattatore dell’arte quale fu Gigi Proietti.

Curiosità

il premio film

Le location principali del film sono state individuate in Trentino Alto Adige e Nord Europa.

Tiziana Panettieri

Tiziana Panettieri

Sono laureata in Lettere Moderne alla triennale e in Comunicazione della Cultura e dello Spettacolo alla magistrale all'Università degli Studi di Catania. Entrambe le mie tesi di laurea hanno riguardato il rapporto tra cinema e storia, in particolare alla magistrale ho unito la mia passione per il cinema horror con la storia trattando il film The Witch di Robert Eggers e la stregoneria in America nel '600.
Leggi tutti gli articoli di Tiziana Panettieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *