- Azione, Recensioni

La furia di un uomo

la furia di un uomo locandinaTitolo originale: Wrath of man

Regia: Guy Ritchie

Sceneggiatura: Guy Ritchie, Ivan Atkinson, Marn Davies

Cast: Jason Statham

Musiche: Christopher Benstead

Produzione: Gran Bretagna, USA 2021

Genere: Azione

Durata: 119 minuti

metro goldwyn meyer logo miramax logo   Trailer

 

jason statham wrath of man  jason statham in la furia di un uomo  scott eastwood in wrath of man

 

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastella

Sceneggiatura: stellastella

Musica: stellastella

Giudizio: stellastella

 

Trama

Assunto da una società di furgoni portavalori, il taciturno Patrick Hill detto H (Jason Statham) si unisce alla squadra dimostrando capacità fuori dal normale. Sventa da solo una rapina e ne evita un’altra mettendo in fuga gli autori. Questi ultimi, in realtà, sembrano conoscerlo molto bene. Cosa si cela, allora, nel passato di quest’individuo spuntato dal nulla?

Recensione

Guy Ritchie affronta la rilettura hollywoodiana dell’action thriller transalpino Le Convoyeur, noto a livello internazionale col titolo Cash Truck, ravvivando il narrativo bailamme con i consueti sensazionali colpi di regia tipici del cineasta, afflitti però da un velo di evidente stanchezza tecnica. Non aspettatevi uno stile alla Sherlock Holmes ma piuttosto la lucidità descrittiva applicata ad esempio nel frizzante RocknRolla.

C’è molto de I predoni (Steven C. Miller, 2016) e Nella tana dei lupi (Christian Gudegast, 2018), sfiorando la meccanica scenica dell’affresco metropolitano Heat firmato Michael Mann, tanto più che a fare da location è ancora la versatile Los Angeles. Sul carro del protagonista sale Jason Statham, muscolare (lontano però dalle performances di The Transporter e I Mercenari) ma inespressivo a livelli a dir poco disturbanti, specialmente in relazione al suo ambiguo personaggio.

La furia di un uomo strizza da subito l’occhio al genere dello sparatutto, salvo convertirsi nella seconda parte a revenge movie in salsa gangster. Lungo il percorso – ed evitando pericolosi spoiler – si incontrano Scott Eastwood (figliol prodigo del grandissimo Clint), Josh Hartnett ed Andy Garcia, il cui apporto attoriale ricade sotto la voce “non pervenuto”.

Curiosità

guy ritchie e jason statham

Alcune scene sono state girate a Londra.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *