- Recensioni, Thriller

La notte del giudizio – Election year

la notte del giudizio election year locandinaTitolo originale: The purge: Election year

Regia e sceneggiatura: James DeMonaco

Cast: Frank Grillo, Elizabeth Mitchell, Mykelti Williamson, Betty Gabriel

Musiche: Nathan Whitehead

Produzione: USA 2016

Genere: Thriller

Durata: 100 minuti

universal logo platinum dunes logo blumhouse logo   Trailer

 

la notte del giudizio election year  frank grillo election year  leo barnes e senatrice roan

 

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastellastella

 

Trama

L’America si prepara al consueto sfogo nell’anno delle elezioni presidenziali che vede la senatrice Charlie Roan (Elizabeth Mitchell) in vantaggio sui padri fondatori per la sua ferma intenzione di porre fine alle annuali notti di sangue, ritenute brutali e a scapito soprattutto della popolazione più povera.

Proteggere la candidata e farla sopravvivere alle 12 ore più cruente spetta a Leo Barnes (Frank Grillo), anch’egli convinto che lo scempio debba cessare.

Recensione

Finalmente una saga degna di essere ulteriormente sviluppata mantenendo però inalterati i punti cardine che ne hanno plasmato il successo. La notte del giudizio è ormai una trilogia il cui focolare che la alimenta arde su tizzoni di pura enfatizzazione, quella di una situazione sociale condotta ai massimi livelli di criticità su un tessuto di distopia ferocemente dilatata, una proiezione resa specchio esacerbato dei tempi bui che già in parte stiamo vivendo.

In cabina di regia siede l’indiscusso James DeMonaco, cui va il merito di aver ancora una volta scritto e diretto con mestiere un libello dalla forte connotazione ideologica, dove l’ideologia fa emergere la soggiacente e subdola anima violenta di una Nazione – gli Stati Uniti – sempre più multietnica ed esasperata da commistioni, disordini popolari e terrorismo.

In un’escalation di omicidi, esecuzioni e assalti in massa, il franchise giunge al secondo sequel, il più politico e certamente anche il più profondo perchè penetra fino al cuore del potere, risalendo l’Olimpo corrotto e oligarchico dei cosiddetti “padri fondatori”, ora minacciati da una rivoluzione incarnata da una donna pronta a dire basta a tutto ciò che il sistema ha imposto per mero interesse economico.

Questo Election Year si pone stilisticamente e contenutisticamente sulla scia del precedente capitolo Anarchia – La notte del giudizio, con un elemento di continuità – il protagonista Leo Barnes – e un terreno d’azione in cui si muovono vittime e carnefici insieme a gruppi di militanti no-sfogo guidati da una vecchia conoscenza, Dante Bishop.

Eccolo tornare dopo la determinante presenza nell’episodio pilota, che lo vedeva clandestino in casa Sendin perchè inseguito da una banda di giovani purificatori. Leggermente meno ritmato ma governato da un accentuato spirito carnevalesco riscontrabile nei travestimenti e mascheramenti degli assassini occasionali, il film di DeMonaco avvince provocando continui salti sulla sedia (prerogativa maggiore dell’horror) e riservando un finale pazzesco, prevedibile ma comunque sensazionale.

Alla produzione la BlumHouse di Jason Blum (con lo zampino di Michael Bay), che si conferma un’autentica certezza e garanzia di qualità.

CINEFOCUS

Leo Barnes, un sergente d’acciaio

Curiosità

election year scena

Le riprese sono state effettuate nel Rhode Island e a Providence.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *