- Drammatico, Recensioni

La tenerezza

la tenerezza locandinaTitolo originale: La tenerezza

Regia: Gianni Amelio

Sceneggiatura: Gianni Amelio, Alberto Taraglio

Cast: Renato Carpentieri, Elio Germano, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti

Musiche: Franco Piersanti

Produzione: Italia 2017

Genere: Drammatico

Durata: 103 minuti

raicinema logo   Trailer

 

renato carpentieri in la tenerezza  micaela ramazzotti ed elio germano  giovanna mezzogiorno in la tenerezza

 

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musica: stellastellastellastella

Giudizio: stellastellastellastella

 

Trama

Lorenzo (Renato Carpentieri), un padre che non ama i suoi figli e vive in solitudine in un palazzo nel centro di Napoli, vede cambiare la propria visione del mondo quando una giovane coppia si trasferisce nell’appartamento di fronte al suo. Un evento tragico gli farà perdere la via verso la redenzione, costringendolo a un’analisi esistenziale profonda e dolorosa.

Recensione

Ritorno sul grande schermo per il maestro Gianni Amelio, che con uno sguardo maturo si porta dentro il suo stesso film nella caratterizzazione del protagonista, Lorenzo (un meraviglioso Renato Carpentieri). La Tenerezza è una pellicola che scava nei rapporti umani: quello difficile tra un padre e i propri figli adulti, quelli di una giovane coppia apparentemente perfetta, quello tra un anziano chiuso alla vita e una ragazza che è una forza della natura.

Indaga attraverso le figure femminili di Elena (Giovanna Mezzogiorno) e Michela (Micaela Ramazzotti) due differenti momenti dell’esistenza e le relative emozioni: Elena è una madre single che soffre l’assenza del padre per una colpa ingiustamente attribuitale, Michela una giovane madre con un fantastico sorriso sul volto. Una valida introspezione sui timori di un uomo anziano costretto a rimettere in gioco i propri sentimenti.

La regia del film è molto classica ed elegante, mai prolissa, con movimenti di macchina assolutamente coerenti e funzionali alla narrazione, un uso accentuato di primi piani molto espressivi che riescono a far cogliere allo spettatore i pensieri intimi dei personaggi. Una scelta del cast perfetta, con un monumentale Renato Carpentieri affiancato da attori che non sorprendono più per bravura.

Nota meno positiva un significante buco di trama nella parte centrale, che viene superato grazie a due scene molto poetiche che portano il film su un piano più emotivo. Molto bello il finale, nel quale vediamo Lorenzo compiere un gesto tenero nei confronti di sua figlia, dando al racconto un senso di compiutezza.

Curiosità

maria nazionale

Dopo Matteo Garrone e Michele Placido, la cantante di Torre Annunziata Maria Nazionale collabora con un altro grande regista.

 

Foto: Claudio Iannone

© 01Distribution

Daniele Giannetti

Daniele Giannetti

Sono Daniele, ho 21 anni e ho studiato all'Università Roma 3 al DAMS (Curriculum Cinema TV e Nuovi Media). Vivo da sempre a Roma e sono appassionato di cinema e serie TV fin da piccolo. Mi interesso di musica, sono un discreto chitarrista da ormai quasi 20 anni.
Leggi tutti gli articoli di Daniele Giannetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *