- Drammatico, Recensioni

Mai per sempre

mai per sempre locandinaTitolo originale: Mai per sempre

Regia: Fabio Massa

Sceneggiatura: Fabio Massa, Demetrio Salvi, Diego Olivares

Cast: Fabio Massa, Yuliya Mayarchuk, Emiliano De Martino, Massimiliano Rossi

Musiche: Salvio Vassallo

Produzione: Italia 2021

Genere: Drammatico

Durata: 90 minuti

102 distribution logo goccia film logo   Trailer

 

yuliya mayarchuk  fabio massa  massimiliano rossi

 

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musica: stellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

Luca (Fabio Massa) è un ragazzo che decide di inseguire il suo sogno, rinunciando al comfort e alla sicurezza economica che poteva offrirgli la famiglia a Napoli. Il giovane si trasferisce in un’altra cittadina lavorando come meccanico insieme al suo migliore amico, Antonio. Luca si impegna molto, nel lavoro, nella relazione che porta avanti con la dolce Maria (Yuliya Mayarchuk) e nello stare lontano dai guai.

Combatte costantemente difendendo la sua più grande ambizione: costruire una famiglia e avere dei figli. I primi problemi emergono quando Maria, d’origine ucraina, ha necessità di essere assunta dalla famiglia per cui lavora a causa della scadenza del permesso di soggiorno. Contemporaneamente, riemerge il passato della ragazza, quando torna a perseguitarla il suo ex, Livio (Massimiliano Rossi).

Quest’ultimo, violento, ex tossicodipendente e possessivo non si dà pace perché Maria dovrà essere sua, per sempre.

Recensione

Mai per sempre, un titolo che racchiude l’essenza del film di Fabio Massa. Nulla è per sempre, in quanto i sogni spesso hanno breve durata e i protagonisti del lungometraggio lo sanno bene. Il regista interpreta uno dei personaggi principali, Luca. Nella prima parte della pellicola, lo spettatore gode di una sorta di apparente serenità, ma si percepisce che sta per accadere qualcosa di orribile.

La storia può essere ambientata in un qualsiasi luogo, quasi al di fuori del tempo. I personaggi inizialmente sembrano tutti distanti l’uno dall’altro, a eccezione delle tre coppie al centro della vicenda. Nella parte finale, improvvisamente, si capisce che i characters sono indissolubilmente legati fra loro da un comune destino. Nel corso di Mai per sempre, assistiamo al declino delle esistenze fino a quando non toccano il fondo, senza possibilità di tornare indietro.

Il lato oscuro è onnipresente. Massa è molto abile nel dirigere se stesso e gli altri attori, anche se sarebbe stato meglio avere un epilogo meno brusco. Ogni singolo evento accaduto si trasformerà in un motivo di rimorso. Massa riassume il tutto con queste parole:

Mi interessava indagare su tutte le sfaccettature del tradimento e dell’abbandono. Da lì è nata una storia che prende le distanze dai luoghi comuni e cerca di approfondire i lati oscuri di ognuno di noi. Non era nostra intenzione parlare di camorra, infatti non lo abbiamo fatto, ma non abbiamo potuto evitare di toccare alcuni argomenti scottanti, ad esempio la corruzione, come si evince dal ruolo dell’avvocato Saverio. ‘Mai per sempre’ è una storia di stampo quasi shakespeariano; l’idea era quella di sorprendere noi stessi per poi portare l’inaspettato al pubblico.

Curiosità

cristina donadioIl regista ha diretto anche Aeffetto domino, in cui l’attrice Cristina Donadio (Scianel in Gomorra) ha interpretato ancora una volta sua madre. Inoltre, in una scena di Mai per sempre c’è la moglie del regista incinta del piccolo Christian.

 

Immagini: © 102 Distribution

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *