- Recensioni, Zombie Movie

Resident Evil: Apocalypse

resident evil apocalypse locandinaTitolo originale: Resident Evil – Apocalypse

Regia: Alexander Witt

Sceneggiatura: Paul W.S. Anderson

Cast: Milla Jovovich, Sienna Guillory, Oded Fehr, Thomas Kretschmann

Musiche: Jeff Danna

Produzione: USA 2004

Genere: Fantascienza

Durata: 94 minuti

screen gems logo   Trailer

 

resident evil apocalypse scena  jill valentine  nemesis

 

Regia: stellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastella

Musica: stellastella

Giudizio: stellastella

 

Trama

Raccoon City è nel caos in seguito alla diffusione del virus T: per le strade forze armate e zombie si danno battaglia mentre l’Umbrella Corporation progetta di far esplodere un ordigno nucleare per sanificare l’intera area. Alice (Milla Jovovich) e un drappello di sopravvissuti guidati dall’ardimentosa Jill Valentine (Sienna Guillory) partono alla ricerca della figlia di un noto scienziato, il dr. Ashford (Jared Harris), in possesso di un antidoto.

Recensione

Dopo Resident Evil, il secondo capitolo della saga cambia regista: a Paul W. S. Anderson (che ha scritto la sceneggiatura) subentra il giovane Alexander Witt, che esorcizza il timore d’inadeguatezza dando enfasi alla vicenda e calcando, perciò, la mano su effetti speciali tesi al puro gusto cyber punk.

L’ostentazione spettacolare non giova alla macabra avventura che, nonostante trovi finalmente sbocco nell’ambiente aperto del contesto urbano, sacrifica parte del proprio fascino in favore di una maggior carica ludica. Ne deriva un giocattolone alquanto confusionario e prevedibile che seguita a conferire molta più importanza allo scenario rispetto ai personaggi in scena.

Le evoluzioni senza limiti della fisica Alice, musa dell’autolesionismo umano inteso come provocazione sociale, imperversano per tutto il film, talvolta in maniera piuttosto esagerata. Witt si dimostra un po’ grossolano nelle soluzioni e leggero nell’interpretare la struttura narrativa, abbandonandosi a schemi scontati che fanno felici soltanto gli appassionati del genere.

L’energumena creatura Nemesis – sorta di Thomas Hewitt improvvisatosi T-800 in versione Terminator 2: il giorno del Giudizio con Minigun in dotazione – rappresenta l’unica innovazione in una landa di pasticci già visti.

Curiosità

alexander witt

 

Alexander Witt interpreta il ruolo del cecchino al quale Alice copre il mirino prima di colpirlo.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *