- Recensioni, Zombie Movie

Resident evil

resident evil locandinaTitolo originale: Resident Evil

Regia e sceneggiatura: Paul W. S. Anderson

Cast: Milla Jovovich, Michelle Rodriguez, James Purefoy, Eric Mabius

Musiche: Marco Beltrami

Produzione: Regno Unito, Germania, USA 2002

Genere: Fantascienza

Durata: 100 minuti

screen gems logo   Trailer

 

alice in resident evil  resident evil's team  milla jovovich e michelle rodriguez

 

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

Raccoon City. La Umbrella Corporation conduce esperimenti illegali su un potente virus in grado di rigenerare cellule morte. A causa di un misterioso incidente, la sostanza si diffonde all’interno dell’Alveare, il laboratorio di ricerca sotterraneo, contagiando scienziati e dipendenti tenuti segregati da un’intelligenza artificiale impazzita.

Alice (Milla Jovovich), risvegliatasi sola e ignara della propria identità, conduce una squadra di soldati scelti all’interno della struttura per scoprire cosa sia veramente accaduto.  Trovano un inferno popolato di zombie affamati e voraci creature geneticamente modificate, i Licker.

Recensione

La figura dello zombie feroce e senz’anima, ormai inflazionata nel contesto cinematografico, ha fatto la sua comparsa più marcata nel 1968, quando il maestro dell’horror George A. Romero concepì La notte dei morti viventi. Il classicismo da allora diffuso ha avuto modo di fondersi con l’ambito moderno-tecnologico che vuole la concezione futuristica unita alle credenze gotico-letterarie.

Il regista Paul W. S. Anderson concretizza tale commistione grazie alla riuscita trasposizione del celebre videogioco Resident Evil, attingendo spunti dall’immedesimazione ludica per ricreare un disastro genetico dilagante e terribile. La quarantena viene attuata all’interno dell’Alveare, un laboratorio sotterraneo che ricorda per morfologia e ubicazione l’Inferno di Dante Alighieri, mai anacronistico quando si parla di flagelli.

Etica e coscienza, concetti ormai messi continuamente in gioco, cedono sotto il peso dell’interesse militare. L’Umbrella Corporation agisce come un deus ex machina che osserva i protagonisti attraverso le telecamere della Regina Rossa. Fuoco e uccisioni violente sono garantite a un ritmo dettato da musica rock e acrobazie compiute dall’eroina Alice, una bellissima Milla Jovovich in ottima forma.

Curiosità

jason isaac

Jason Isaac, che appare sul finale del film, è anche il narratore della storia.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *