whale watching
- Stati Uniti d'America, Turismo

A Boston si apre la stagione del whale watching

new england aquarium
Photo credit: Vanessa Kahn
© New England Aquarium

Salpare da Boston per osservare le balene! Idea perfetta da realizzare nel mese appena iniziato, dal momento che nella città del Massachussetts la stagione del whale watching si apre il 16 maggio per terminare solo alla fine di ottobre. Inoltre, perché non preparare anche una visita al New England Aquarium, situato a pochi passi dal Central Wharf? Un solo viaggio, due favolose esperienze.

L’acquario di Boston ospita tantissime specie e, tutti insieme, oltre 1.000 pesci riuniti in una gigantesca vasca dove è stata ricreata la barriera corallina caraibica sviluppata su quattro piani.

Immergersi in questo contesto rappresenta un’emozione preliminare alla crociera per l’avvistamento delle balene, che parte dal Boston Harbor con l’obiettivo di portare i turisti a conoscere la vita marina del New England, la natura oceanica entro la quale si muovono splendidi cetacei, delfini, megattere, Finbacks, Minkes e altre meraviglie.

Destinazione: Steelwagen Bank National Marine Sanctuary

salti delle baleneLa destinazione precisa dell’escursione è individuabile nello Steelwagen Bank National Marine Sanctuary, porzione d’oceano dalla ricchissima biodiversità e bacino di alimentazione per moltissime creature marine. È una zona la cui superficie si estende per ca. 2.000 kmq, con una lunghezza di 33 km.

L’area al centro della baia di Boston (distante 40 km dall’agglomerato urbano) costituisce una sorta di placido rifugio e un ecosistema perfetto per le balene, le quali possono attingere ai nutrienti presenti nell’acqua molto fredda. Le megattere hanno bisogno di assumere dalle 500.000 al milione di calorie ogni giorno, l’equivalente di 2 tonnellate di anguille della sabbia, che qui abbondano.

Le emozioni del whale watching: i salti delle Humpback

whale watchingCiascun esemplare di balena può arrivare a pesare 40 tonnellate, e tale peso ci dà la misura della loro stupefacente forza soprattutto in fase di salto fuori dall’acqua. I loro balzi sono quanto di più spettacolare si possa osservare durante la fase di whale watching, ed è un comportamento usuale specialmente per gli animali più giovani, talvolta manifestato per divertimento, in altri casi per ripulirsi da cirripedi e pidocchi.

Nello Steelwagen l’habitat naturale favorisce le loro esibizioni, e poi non dimentichiamo che le balene, essendo mammiferi, necessitano di raggiungere spesso la superficie per poter respirare. Quando si inabissano nuovamente, le specie come le Humpback sollevano la coda svelando dapprima le grandi pinne e lo stomaco rotondo.

Tutti a bordo dei catamarani

catamarani per il whale watchingUn’escursione in mare aperto dura in media 4 ore e si svolge a bordo di catamarani robusti, veloci e attrezzati, confortevoli e assai stabili, dotati di larghi ponti e sedili interni. Un’esperienza gettonatissima che vale la pena fare.

Secondo l’esperta naturalista del New England Aquarium Whale Watch Laura Howes, collaboratrice del Boston Harbor City Cruises, ogni anno in questa zona si riversa ca. 1 milione di persone per praticare il whale watching.

Un afflusso di questa entità contribuisce sensibilmente al finanziamento dei programmi di ricerca e conservazione worldwide. Uno di essi mira a studiare le balene franche atlantiche, di cui rimangono in vita attualmente solo 340 esemplari.

Immagini: © Meet Boston

Samuele Pasquino

Classe 1981, mi sono laureato in Lettere presso l'Università degli Studi di Torino. Giornalista dal 2012, ho studiato storia del cinema specializzandomi nell'analisi di pellicole di tutti i generi dalla nascita della Settima Arte a oggi. Tenendo ben presente il concetto di lettura non come intrattenimento bensì come formazione, mi occupo da anni anche di turismo e realizzo reportage di viaggio. Estremamente sensibile alla tematica enogastronomica, tratto la materia con un'attenzione specifica verso la filiera di qualità fra tradizione e innovazione. Per me il giornalismo non è solo una professione, è una missione!
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *